ITALARTE » Al Castel dell’Ovo la mostra su Domenico Purificato

Did you know that your version of Internet Explorer is out of date?
To get the best possible experience using our website we recommend downloading one of the browsers below.

Internet Explorer 10, Firefox, Chrome, or Safari.

Skip To Content

Al Castel dell’Ovo la mostra su Domenico Purificato

 

E’ stata inaugurata oggi, nella Sala delle Terrazze di Castel dell’Ovo, una Retrospettiva antologica dell’opera di Domenico Purificato.

L’importante esposizione è inserita in un programma culturale “Vite Parallele” che l’Università “La Sapienza” di Roma porta avanti in un itinerario internazionale che prevede oltre le grandi città italiane anche Shanghai, Francoforte, Edimburgo, Berlino, Parigi e Lisbona.

Grazie all’interessamento del rettore prof. Eugenio Gaudio si è formato un gruppo di intellettuali che ha dato un prestigioso impulso alla iniziativa; oltre ai proff. Eugenio Gaudio e Michele Greco, il proff. Maurizio Cumo, Franco Piperno,Tullio De Piscopo, Aldo Masullo, Riccardo Valentini, Roberto Palumbo.

La retrospettiva di Domenico Purificato, organizzata dall’ assessorato alla Cultura del Comune di Napoli e dall’Associazione di Promozione Culturale Domenico Purificato è corredata da uno spettacolo teatrale “Il Figliol Prodigo incontra Pulcinella” scritto e diretto da Michele Greco con le musiche di Francis Kuipers, le scene di Tommaso Cascella con proiezioni e foto create rispettivamente da Francesca Corso e Gaetano Alfano , l’interpretazione di Luigi Grossi, Alessia Pescitelli, Veronica Farroni e interpretazione corporea di Giulia Ingrami Bianchini. L’opera, che si è ispirata al Figliol Prodigo di de Chirico e al Pulcinella di Purificato, sarà rappresentata a Napoli il 9 gennaio alle 19 allo “Spazio Aperto” di via Speranzella 100.

La figura del maestro Domenico Purificato viene ricordata in occasione del centenario della sua nascita avvenuta a Fondi nell’agosto del 1915.
Domenico Purificato è stato Direttore per oltre un decennio dell’Accademia di Brera a Milano e il suo nome è legato al Teatro e ad una copiosa produzione saggistica e letteraria.
La mostra vede esposte 35 opere di chiara fattura neorealistica indicativa di un forte carattere meridionalistico e di un chiaro ed evidente amore per la città di Napoli.

 

Fonte: http://www.ilmattino.it/