ITALARTE » AUGUSTO PEREZ

Did you know that your version of Internet Explorer is out of date?
To get the best possible experience using our website we recommend downloading one of the browsers below.

Internet Explorer 10, Firefox, Chrome, or Safari.

Skip To Content

AUGUSTO PEREZ

 

Augusto Perez nasce a Messina nel 1929, ma fin da bambino si trasferisce con la famiglia a Napoli, dove frequenta per qualche anno la Facoltà di Architettura. Ben presto però la scultura assume un ruolo centrale nella sua vita ed egli vi si dedica completamente a partire dagli anni ’50.
E’ stato definito un “hidalgo spagnolo” per la nobile figura, alta e slanciata, oltre che per i gesti gentili, sotto i quali nascondeva una certa inquietudine.
Perez è stata senza dubbio uno delle figure principali nel panorama della scultura contemporanea, avendo partecipato alle più importanti mostre e rassegne in Italia e all’estero, e avendo esposto più a volte alla Biennale di Venezia con una serie di Mostre personali.
Uno dei soggetti centrali per questo artista è quello dell’ombra, sottolineato persino dai titoli in alcuni dei suoi lavori più famosi (si pensi a “Crepuscolo”, “Notte” o alla serie delle “Meridiane”).
Il trascorrere del tempo segnato dalla luce giustifica l’uso della tecnica, a base di potenti chiaroscuri, attuata anche nei bellissimi disegni.
Tutta la sua poetica si può dire che aspiri ad un valore simbolico.
Ecco perché “l’importanza dell’opera di Perez potrà essere compresa se si avvertirà quanto grandioso e disperato c’è nella sua ostinazione a tenere saldamente congiunta la forza di rappresentazione dell’immagine con una tagliente ed ossessiva tensione intellettuale” (F. Simongini).Tale poetica, emersa peraltro fin dagli anni ’60, viene oggi registrata dalla critica più avanzata. Già alcuni anni orsono G. Testori, a proposito dell’opera di Perez, parlava a buon diritto di scultura che “sprofonda in sé stessa e traduce lo strazio del nostro essere uomini nello strazio della bellezza”. Muore a dicembre del 2000.