ITALARTE » DOMENICO PURIFICATO

Did you know that your version of Internet Explorer is out of date?
To get the best possible experience using our website we recommend downloading one of the browsers below.

Internet Explorer 10, Firefox, Chrome, or Safari.

Skip To Content

DOMENICO PURIFICATO

 

Domenico Purificato (Fondi, 1º novembre 1915 – Roma, 6 novembre 1984) è stato un pittore italiano.

Nella prima parte della sua carriera artistica ha aderito alla corrente definita romana, avviata da Scipione (Gino Bonichi) e Mario Mafai, condivisa con Raffaele Frumenti. Artista poliedrico, dal 1940 al 1943 è stato redattore della rivista Cinema.

Nel dopoguerra fu protagonista a Roma del neorealismo, immortalando nelle sue tele gente del popolo, figure e scene campestri della vita quotidiana. Con il regista neorealista e amico Giuseppe De Santis ha collaborato nel 1956 curando lo studio del colore, la sceneggiatura e i costumi per il film Giorni d’amore. Ha preso parte ad importanti rassegne quali la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. Si è occupato anche di narrativa, saggistica, teatro e televisione.

Tra i suoi saggi teorici sull’arte: La pittura dell’Ottocento italiano (Sciascia, Caltanissetta-Roma 1959), I colori di Roma (Adriatica, Bari 1965), Callimaco, una pittura per l’uomo (Trevi, Roma 1971), e il postumo Come leggere un quadro (Rusconi Immagini, Milano 1985). È stato direttore dell’Accademia di Brera di Milano fino al 1980. Al maestro è dovuto anche un mosaico nella lunetta del duomo medievale di Fondi sua città natale.

È scomparso nel 1984 all’età di 69 anni.

A Roma, nella zona Fonte Meravigliosa-Cecchignola, esiste una scuola intitolata all’artista fondano.